Un ricordo di Sandro Pertini