Intervento di Stefano Rolando alla rievocazione di Eugenio Colorni