Esilio e delirio: a partire dall’albero di lillà di María Zambrano