La presenza di Giulio Carlo Argan in televisione è un lungo percorso di immagini e parole che va dal 1958 al 1991. Nell’archivio delle Teche Rai si contano - attualmente digitalizzati - oltre 60 interventi sulla storia dell’arte, la storia dell’architettura e dell’urbanistica, la tutela dei beni culturali e il restauro, sino a giungere ai numerosi documenti riguardanti la politica e la cultura, trasmessi durante il periodo in cui Argan fu Sindaco di Roma, senza contare, tra questi ultimi, le brevi interviste concesse ai telegiornali. Questo ricco materiale restituisce un ritratto di Argan in azione, rivelatore delle sue grandi capacità dialettiche, della chiarezza e acutezza di pensiero, nell’espressione sempre sobria ma decisa. Le trasmissioni a cui Argan prese personalmente parte riflettono alcuni dei principali interessi del grande storico dell’arte: Brunelleschi, Michelangelo, Borromini; i movimenti artistici dell’800 e ‘900 (Impressionismo, Bauhaus, Futurismo, Dadaismo, Surrealismo); alcune interviste su artisti (Ernst, Grosz, Picasso, Moore, Vedova, Capogrossi, Consagra, Mastroianni). Nel contributo vengono analizzati questi materiali audiovisivi – che si presentano in molti casi come vere e proprie lezioni brevi di storia dell’arte. Si analizza anche il linguaggio e il modello divulgativo utilizzato, chiedendosi come Argan considerasse la televisione, il documentario televisivo e le trasmissioni sull’arte e gli artisti. Alla luce del contributo di Argan ci si interroga se la divulgazione dell’arte in televisione possa considerarsi come mezzo di formazione oltre che di informazione. In appendice viene pubblicato l'inedito di Argan: "Televisione e cultura visiva"

Argan e la televisione: dibattiti, polemiche e video-lezioni di storia dell’arte, 2012-12.

Argan e la televisione: dibattiti, polemiche e video-lezioni di storia dell’arte

Casini, Tommaso
2012-12

Abstract

La presenza di Giulio Carlo Argan in televisione è un lungo percorso di immagini e parole che va dal 1958 al 1991. Nell’archivio delle Teche Rai si contano - attualmente digitalizzati - oltre 60 interventi sulla storia dell’arte, la storia dell’architettura e dell’urbanistica, la tutela dei beni culturali e il restauro, sino a giungere ai numerosi documenti riguardanti la politica e la cultura, trasmessi durante il periodo in cui Argan fu Sindaco di Roma, senza contare, tra questi ultimi, le brevi interviste concesse ai telegiornali. Questo ricco materiale restituisce un ritratto di Argan in azione, rivelatore delle sue grandi capacità dialettiche, della chiarezza e acutezza di pensiero, nell’espressione sempre sobria ma decisa. Le trasmissioni a cui Argan prese personalmente parte riflettono alcuni dei principali interessi del grande storico dell’arte: Brunelleschi, Michelangelo, Borromini; i movimenti artistici dell’800 e ‘900 (Impressionismo, Bauhaus, Futurismo, Dadaismo, Surrealismo); alcune interviste su artisti (Ernst, Grosz, Picasso, Moore, Vedova, Capogrossi, Consagra, Mastroianni). Nel contributo vengono analizzati questi materiali audiovisivi – che si presentano in molti casi come vere e proprie lezioni brevi di storia dell’arte. Si analizza anche il linguaggio e il modello divulgativo utilizzato, chiedendosi come Argan considerasse la televisione, il documentario televisivo e le trasmissioni sull’arte e gli artisti. Alla luce del contributo di Argan ci si interroga se la divulgazione dell’arte in televisione possa considerarsi come mezzo di formazione oltre che di informazione. In appendice viene pubblicato l'inedito di Argan: "Televisione e cultura visiva"
Italiano
set-2010
Giulio Carlo Argan intellettuale e storico dell'arte
Roma
2010
nazionale
su invito
Giulio Carlo Argan. Intellettuale e storico dell'arte
Gamba, Claudio
156
166
11
978-88-370-9101-9
Italy
Milano
comitato scientifico
A stampa
Settore L-ART/04 - Museologia e Critica Artistica e del Restauro
1
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/10808/7485
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact