Paolo Grassi e Jean Vilar: il coraggio del teatro