Il primo convegno europeo per lo sviluppo del progetto “Archivi” 2011/2013, Archival footage, an educational, creative and employing device,grazie alla partnership di INA (Institut national de audiovisuel) che negli ultimi due anni ha offerto gratuitamente a fini artistici a tutte le organizzazioni europee partner del progetto i propri materiali d’archivio, persegue l’obiettivo di approfondire il tema dei processi formativi utili a promuovere e consolidare inserimenti lavorativi in ambito di post produzione audiovisiva, preparando una professionalità specifica volta al reinserimento socio-professionale a seguito del fine pena. Finalità ultima del progetto è la promozione di una rete istituzionale europea fra Amministrazioni Penitenziarie e Amministrazioni della Cultura Regionali, che possa valutare e sostenere le produzioni artistiche realizzate in ambiti detentivi, offrendo reali opportunità professionali nel settore tecnico artistico. L’esperienza francese, portata avanti in partnership fra Amministrazione Penitenziaria Francese e INA, ha già dato vita a uno studio di post produzione video all’interno dell’Istituto francese di detenzione la Maison Centrale de Poissy, attivo da circa dieci anni. Il convegno intende permettere a tutte le Istituzioni europee partner del progetto di approfondire e valutare la riproducibilità del modello francese, a partire dall’analisi di una prassi che ha consentito di promuovere una formazione adeguata e di sviluppare modalità professionali adatte a sostenere un’attività lavorativa specifica. Tali elementi vorrebbero trovare una concreta realizzazione nella II Casa di Reclusione di Milano-Bollate, all’interno dei laboratori di cooperativa e.s.t.i.a., grazie alla partnership di Cineteca Italiana ed al sostegno di Regione Lombardia e dell’Amministrazione Penitenziaria.

Education, theatre, cinema and archives, 2011-05.

Education, theatre, cinema and archives

Garavaglia, Valentina
2011

Abstract

Il primo convegno europeo per lo sviluppo del progetto “Archivi” 2011/2013, Archival footage, an educational, creative and employing device,grazie alla partnership di INA (Institut national de audiovisuel) che negli ultimi due anni ha offerto gratuitamente a fini artistici a tutte le organizzazioni europee partner del progetto i propri materiali d’archivio, persegue l’obiettivo di approfondire il tema dei processi formativi utili a promuovere e consolidare inserimenti lavorativi in ambito di post produzione audiovisiva, preparando una professionalità specifica volta al reinserimento socio-professionale a seguito del fine pena. Finalità ultima del progetto è la promozione di una rete istituzionale europea fra Amministrazioni Penitenziarie e Amministrazioni della Cultura Regionali, che possa valutare e sostenere le produzioni artistiche realizzate in ambiti detentivi, offrendo reali opportunità professionali nel settore tecnico artistico. L’esperienza francese, portata avanti in partnership fra Amministrazione Penitenziaria Francese e INA, ha già dato vita a uno studio di post produzione video all’interno dell’Istituto francese di detenzione la Maison Centrale de Poissy, attivo da circa dieci anni. Il convegno intende permettere a tutte le Istituzioni europee partner del progetto di approfondire e valutare la riproducibilità del modello francese, a partire dall’analisi di una prassi che ha consentito di promuovere una formazione adeguata e di sviluppare modalità professionali adatte a sostenere un’attività lavorativa specifica. Tali elementi vorrebbero trovare una concreta realizzazione nella II Casa di Reclusione di Milano-Bollate, all’interno dei laboratori di cooperativa e.s.t.i.a., grazie alla partnership di Cineteca Italiana ed al sostegno di Regione Lombardia e dell’Amministrazione Penitenziaria.
Education, theatre, cinema and archives, 2011-05.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/10808/7224
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact