Artusi, Mantegazza e la retorica