Riflettendo su una teoria dell'esperienza, si pone principalmente il problema del rapporto e della mediazione di intelletto e sensorialità, di concetto e intuizione. Costruttiva si considera qui una teoria dell'esperienza che da una parte rende visibile e adduce ragioni a sostegno della spontaneità del soggetto pensante, ma che dall'altra parte riconosce anche l'indispensabilità della ricettività nel processo d'esperienza, cioè la necessità di rappresentazione e dimostrazione del pensato nell'intuizione e tramite l'intuizione. Dato che l'immagine è una forma di rappresentazione intuitiva di un'intenzione significante, si pone la questione se essa è, come pensa Edmund Husserl, riempimento di significato o non piuttosto intenzione vuota che può riempirsi tramite percezioni sensoriali. Discutendo lo stato teorico dell'immagine come schema, come immagine interiore o della fantasia e come immagine esteriore o fisica, si arriva alla conclusione che l'immagine è intenzione vuota come la mera intenzione significante. L'oggetto dell'immagine è la cosa della percezione sensoriale.

Riflessioni su una teoria costruttivo-fenomenologica dell'immagine, 1998.

Riflessioni su una teoria costruttivo-fenomenologica dell'immagine

SZUKALA, RALPH HELMUT
1998

Abstract

Riflettendo su una teoria dell'esperienza, si pone principalmente il problema del rapporto e della mediazione di intelletto e sensorialità, di concetto e intuizione. Costruttiva si considera qui una teoria dell'esperienza che da una parte rende visibile e adduce ragioni a sostegno della spontaneità del soggetto pensante, ma che dall'altra parte riconosce anche l'indispensabilità della ricettività nel processo d'esperienza, cioè la necessità di rappresentazione e dimostrazione del pensato nell'intuizione e tramite l'intuizione. Dato che l'immagine è una forma di rappresentazione intuitiva di un'intenzione significante, si pone la questione se essa è, come pensa Edmund Husserl, riempimento di significato o non piuttosto intenzione vuota che può riempirsi tramite percezioni sensoriali. Discutendo lo stato teorico dell'immagine come schema, come immagine interiore o della fantasia e come immagine esteriore o fisica, si arriva alla conclusione che l'immagine è intenzione vuota come la mera intenzione significante. L'oggetto dell'immagine è la cosa della percezione sensoriale.
Italiano
Estetica fenomenologica
Reggio Emilia
1997
internazionale
contributo
Estetica fenomenologica
Poli, Roberto; Scaramuzza, Gabriele
67
75
9
88-8125-255-4
Italy
Firenze
comitato scientifico
A stampa
Settore M-FIL/05 - Filosofia e Teoria dei Linguaggi
Settore L-LIN/13 - Letteratura Tedesca
1
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/10808/6725
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact