“L’odore delle cose". I Treni di Ettore Mo: una scrittura fatta per durare?