L'impersonalità del fare spettacolare. Retorica ed affermazione scenica