Il trionfo del catch-all party? I dilemmi della ricostruzione postbellica