«Al contrario, maestro di ascetismo – fino al silenzio, all'ammutolimento – fu Evangelisti. “Al contrario” perché esistono silenzi edonistici (Sciarrino), mentre quello di Evangelisti è l'estrema conseguenza di un lineare percorso di purismo antiedonista. Asciugamento di ogni turgore (timbrico, armonico), disintegrazione di ogni continuità (ritmica, fraseologica, figurale), con esiti retorici di antiretorica superiori – paradossalmente più seducenti – a quelli dei, troppo più celebri, prìncipi e vessilliferi del serialismo» (Stefano LV). Evangelisti quindi seduttivo, oltre che ascetico. Soprattutto in Ordini: benché prosciughi, aumenta anche al massimo la varietà (timbrica, articolativa, cioè proprio quella più sensoriale della musica). L'ascesi stessa è seduttiva: sotto forma di negarsi invece che banalmente, non desiderabilmente, di darsi. Ricezione sciarriniana del serialismo attraverso Evangelisti. Sciarrino assume alcuni elementi del materiale da Evangelisti e, generalizzandoli (in una gestione del tempo personale), ne fa uno stile. Che il suono ‘brutto’ di Evangelisti sia seduttivo è dimostrato anche, grazie alla conoscenza a posteriori dalla musica di Sciarrino, il quale di quel suono brutto fa, con alcuni accorgimenti, un suono bello. Il materiale residuale: Sciarrino di questo livello, che per Evangelisti è un punto d'arrivo (prima del silenzio), fa un punto di partenza (circondato di silenzio). Seduzione come nesso residualità-perversione, curiosità, piacere della durata. Tratti ascetici in Sciarrino. In Incardona la matericità del suono viene da Evangelisti, ma ciò che Evangelisti vira verso thánatos, Incardona vira verso eros. Incardona recepisce da Evangelisti la seduzione del nulla, rovesciandola in amore del tutto, ma al cospetto del nulla: facendo crescere a dismisura il suono animato, ma sull'orlo del silenzio.

Tratti tecnici dell'ascesi e della seduzione in Franco Evangelisti e loro derivazioni nei palermitani Salvatore Sciarrino e Federico Incardona, 2011-12.

Tratti tecnici dell'ascesi e della seduzione in Franco Evangelisti e loro derivazioni nei palermitani Salvatore Sciarrino e Federico Incardona

Lombardi Vallauri, Stefano
2011-12

Abstract

«Al contrario, maestro di ascetismo – fino al silenzio, all'ammutolimento – fu Evangelisti. “Al contrario” perché esistono silenzi edonistici (Sciarrino), mentre quello di Evangelisti è l'estrema conseguenza di un lineare percorso di purismo antiedonista. Asciugamento di ogni turgore (timbrico, armonico), disintegrazione di ogni continuità (ritmica, fraseologica, figurale), con esiti retorici di antiretorica superiori – paradossalmente più seducenti – a quelli dei, troppo più celebri, prìncipi e vessilliferi del serialismo» (Stefano LV). Evangelisti quindi seduttivo, oltre che ascetico. Soprattutto in Ordini: benché prosciughi, aumenta anche al massimo la varietà (timbrica, articolativa, cioè proprio quella più sensoriale della musica). L'ascesi stessa è seduttiva: sotto forma di negarsi invece che banalmente, non desiderabilmente, di darsi. Ricezione sciarriniana del serialismo attraverso Evangelisti. Sciarrino assume alcuni elementi del materiale da Evangelisti e, generalizzandoli (in una gestione del tempo personale), ne fa uno stile. Che il suono ‘brutto’ di Evangelisti sia seduttivo è dimostrato anche, grazie alla conoscenza a posteriori dalla musica di Sciarrino, il quale di quel suono brutto fa, con alcuni accorgimenti, un suono bello. Il materiale residuale: Sciarrino di questo livello, che per Evangelisti è un punto d'arrivo (prima del silenzio), fa un punto di partenza (circondato di silenzio). Seduzione come nesso residualità-perversione, curiosità, piacere della durata. Tratti ascetici in Sciarrino. In Incardona la matericità del suono viene da Evangelisti, ma ciò che Evangelisti vira verso thánatos, Incardona vira verso eros. Incardona recepisce da Evangelisti la seduzione del nulla, rovesciandola in amore del tutto, ma al cospetto del nulla: facendo crescere a dismisura il suono animato, ma sull'orlo del silenzio.
Italiano
Franco Evangelisti: verso un nuovo mondo sonoro
Roma
2007
internazionale
su invito
Franco Evangelisti: verso un nuovo mondo sonoro: atti del Convegno Internazionale, 1-2 marzo 2007
Ludovici, Eleonora; Tortora, Daniela M.
27
46
20
9788889064979
Italy
Cosenza
comitato scientifico
A stampa
Settore L-ART/07 - Musicologia e Storia della Musica
1
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/10808/5358
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact