Tra lessico pittorico e iconografia: Annibal Caro e la fortuna della traduzione dell’Eneide