Ancora la lingua: una questione mal posta