Geografia e spatial turn: la lettura di Augustin Berque