Lo scarto visuale e il supplemento dell'immagine: le "scritture di luce" del campo di concentramento di Mauthausen