Nathaniel Hawthorne. Dal subliminale al trascendentale, di Barbara Berri