Il lettore 'immersivo' di Verga. Qualche ipotesi