La disabilità intellettiva richiede un approccio metodologico statistico diverso?