Dall'omologazione alla "re-identificazione" del gusto