"... c'è malata l'aria della terra". Il 'libro' insubordinato di Rebora