Dipingere l'assenza: Edward Hopper e le annunciazioni senza messaggio