"... con dispersione minima": perché Giudici non è un poeta 'neometrico'