Intellettuali e televisione: Ragghianti, Argan e Zeri