«E pur mi giova la ricordanza»: La Terra Promessa ungarettiana tra tradizione e traduzione