“Le voglio, quelle ninfe, perpetuare” o il Fauno tradotto da Giuseppe Ungaretti