Verso una naturalizzazione della «consapevolezza agentiva »: problemi teorici e possibile modello robotico