Consumi e diseguaglianza sociale: dal kitsch a Hello Kitty