Per una critica dell'immaginario pop: da Benjamin a Baudrillard e ritorno