Dismissioni creative: il caso europeo