Le lacrime del servizio pubblico greco