Viaggiatori e testi: identità discorsive