«Faccio delle cose coi libri». Calvino vs anni Settanta