La relazione che gli scrittori hanno stabilito con altre arti risponde ad una strategia dell'esodo come fuga per sciogliere il blocco istituzionale in cui è ogni volta rappresa la tradizione meramente letteraria. Il vettore di questo esodo è quello dell'"affetto" (in senso freudiano) come forza traduttiva da un'arte all'altra fuori da ogni relazione di potere. Ciò viene illustrato dall'amicizia sodalizio fra Ponge e Fautrier.

Che cosa uno scrittore ha da dire di primordiale?, 2012.

Che cosa uno scrittore ha da dire di primordiale?

BRUZZO, FRANCOIS
2012

Abstract

La relazione che gli scrittori hanno stabilito con altre arti risponde ad una strategia dell'esodo come fuga per sciogliere il blocco istituzionale in cui è ogni volta rappresa la tradizione meramente letteraria. Il vettore di questo esodo è quello dell'"affetto" (in senso freudiano) come forza traduttiva da un'arte all'altra fuori da ogni relazione di potere. Ciò viene illustrato dall'amicizia sodalizio fra Ponge e Fautrier.
Italiano
85
56
61
6
Italy
nazionale
esperti non anonimi
A stampa
Settore L-LIN/03 - Letteratura Francese
1
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/10808/8110
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact