Le costrizioni liberatorie degli artigiani della parola