Cinema d(‘)oppio: De Palma tra narcisismo e cinedipendenza