Il tacere non si scrive: i barbari e la letteratura