Mani sporche, mani pulite: i gialli del vittimismo