Rimozioni e revisioni ottocentesche: ovvero dell’utilità (storica) del patetico