Lo straniero senza diritti e la rappresentazione del nemico