Degenerare per la democrazia: Walt Whitman secondo Pasquale Jannaccone