The concept of hybrid emerges as a fundamental element of contemporaneity and it has been used as a tool for interpreting the complexity of the twentieth century city using an approach that takes into account three elements: functional mix, container form and relationship with the city. In postmodern, global cities, the combination of public and private fosters articulated and innovative forms of hybridization fusing different functions and highlighting the social dimension. And it is within global cities that the hybrid places of contemporary society are concentrated, spaces approaching the concept of Third Place. As alternatives to the twentieth-century places of production and housing, such places allow their visitors to feel part of a community. The health emergency situation, which has put a stop to many forms of socializing, does not allow us to predict how hybrid places will develop, and forces people to live their home as a true hybrid place

Il concetto di ibrido sembra emergere come elemento fondamentale della contemporaneità ed è stato utilizzato come strumento per interpretare la complessità della città del XX secolo impiegando un approccio che tiene in considerazione tre elementi: mix funzionale, forma contenitore e rapporto con la città. L’edificio ibrido diventa protagonista nelle città postmoderne e, in particolare, la combinazione tra pubblico e privato, dà origine a forme articolate e innovative di ibridazione che danno rilievo alla dimensione sociale. Ed è all’interno delle città globali che si concentrano i luoghi ibridi della società contemporanea, spazi che si avvicinano al concetto di Third Place, luoghi alternativi a quelli tradizionali della produzione e dell’abitare che consentono ai loro frequentatori di sentirsi parte di una comunità. La situazione d’emergenza sanitaria, che ha posto freno a molte forme di socialità, non consente di prevedere come si svilupperanno i luoghi ibridi e costringe a vivere la propria abitazione come luogo ibrido per eccellenza.

I luoghi ibridi: spazi della contemporaneità urbana, 2021-06-24.

I luoghi ibridi: spazi della contemporaneità urbana

Mortara Ariela
2021-06-24

Abstract

Il concetto di ibrido sembra emergere come elemento fondamentale della contemporaneità ed è stato utilizzato come strumento per interpretare la complessità della città del XX secolo impiegando un approccio che tiene in considerazione tre elementi: mix funzionale, forma contenitore e rapporto con la città. L’edificio ibrido diventa protagonista nelle città postmoderne e, in particolare, la combinazione tra pubblico e privato, dà origine a forme articolate e innovative di ibridazione che danno rilievo alla dimensione sociale. Ed è all’interno delle città globali che si concentrano i luoghi ibridi della società contemporanea, spazi che si avvicinano al concetto di Third Place, luoghi alternativi a quelli tradizionali della produzione e dell’abitare che consentono ai loro frequentatori di sentirsi parte di una comunità. La situazione d’emergenza sanitaria, che ha posto freno a molte forme di socialità, non consente di prevedere come si svilupperanno i luoghi ibridi e costringe a vivere la propria abitazione come luogo ibrido per eccellenza.
Italiano
Giampaolo Nuvolati
Enciclopedia Sociologica dei Luoghi 4
4
177
189
978-88-5526-505-8
978-88-5526-506-5
Italy
Milano
Ledizioni
comitato scientifico
nazionale
A stampa
Settore SPS/09 - Sociologia dei Processi economici e del Lavoro
1
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Mortara_encicolopedialuoghiibridi.pdf

accesso aperto

Dimensione 799.79 kB
Formato Adobe PDF
799.79 kB Adobe PDF Visualizza/Apri

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/10808/39663
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact