Il film come evento visuale, ovvero, La violenza senza storia