PISANI E L’INTERPRETAZIONE DI TESTI EPIGRAFICI: IL CASO DELLA BILINGUE DI VERCELLI