“Eppur si mente”: di alcuni modi di concepire il falso in letteratura