Tra utopia e riformismo, il teatro pubblico di Paolo Grassi e Giorgio Strehler