Network come neotot: la socialità in rete e gli avamposti di un nuovo fascismo emozionale