Intervista a Paolo Giovannetti. L’estetica azzerata