Arrivando a "Satura": qualche spunto sull’autofiction