Il droit de suite come strumento di politica culturale